Meetup
TwitterRssFacebook
Pagine

Pubblicato da il 26 set, 2011 in Comunicati, Elezioni regionali, Rimborsi elettorali | 2 commenti

Rimborsi Elettorali: la fiction continua

Il Movimento 5 stelle Molise ritiene importante fare una precisazione a tutti i cittadini sulla questione dei rimborsi elettorali.

Prima un po’ di memoria storica: il finanziamento pubblico ai partiti, sebbene abolito da un referendum nel 1993 fu subito dopo (qualche mese) reintrodotto grazie ad una serie di provvedimenti che avviarono l’ambiguo meccanismo dei rimborsi elettorali.
A partire dal 1994 la spesa dello Stato per rimborsare i partiti dei costi delle loro campagne elettorali è stata di ben 2 miliardi e 254 mln. Secondo l’ultima relazione della Corte dei Conti in merito depositata alle Camere, i partiti hanno incassato 500 milioni di euro di rimborsi elettorali, oltre quattro volte i 117 milioni spesi nella campagna elettorale delle politiche del 2006.
I partiti ricevono somme sproporzionate rispetto alle cifre spese. Il caso più emblematico, fra quelli denunciati, è quello del Partito Pensionati, che ha ottenuto, dopo le elezioni europee del 2004, 180 euro per ogni euro speso.
Da ormai quindici anni i partiti in Italia ricevono molti più soldi di quelli che spendono per la loro attività durante i 30 giorni di campagna elettorale. E anche se cade una legislatura il meccanismo delle rate annuali di rimborso non si interrompe, anzi raddoppia. Una magia resa possibile da piccolissime modifiche legislative modellate in silenzio, mese dopo mese, legislatura dopo legislatura, dagli stessi parlamentari che erogano con una mano e con l’altra incassano.
Cosa succede in Molise? Potevano mai esimersi i nostri consiglieri o partiti autoctoni dall’intascare anche questo malloppo? Ovviamente no! Qui veramente sta accadendo qualcosa di ancora più sensazionale, perchè partiti “fantasma”come Forza Italia, Alleanza nazionale, Democratici di sinistra e La Margherita continuano a prendere rate di più di 150mila euro all’anno e l’ultima rata arriverà prima della fine di quest’anno.
E’ possibile che partiti scomparsi dalla scena continuino ad incassare soldi pubblici?
Ma soprattutto che fine fanno questi soldi?
L’importante è incassare, poi la politica viene dopo.

Il Movimento 5 stelle non vuole essere attore di questa fiction! I consiglieri regionali del Movimento eletti in Piemonte e in Emilia-Romagna hanno rifiutato, e sono stati gli unici, un milione e seicentomila euro di rimborsi elettorali. Questi sono i segnali importanti che, anche noi del Movimento 5 stelle Molise, vogliamo dare alla comunità, segnali di pura passione politica e non di meri interessi economici.
Non faremo una campagna elettorale sfarzosa con i faccioni dei candidati sui muri o in televisione come i cittadini sono purtroppo abituati a vedere, e questo non solo perchè ci autofinanziamo e rifiuteremo i pseudo-rimborsi elettorali, ma anche e soprattutto perchè vogliamo dimostrare che le campagne vanno fatte con i contenuti e
non più “infestando” le città con facce insignificanti e slogan banali.

Grazie!

2 Commenti

  1. Grande Fabio, continua così!

  2. bella… bellissima! un movimento giovane, ma che sa vedere molto…. oltre!

Trackback/Pingback

  1. Ti rendiconto!? | MoVimento 5 Stelle Molise - [...] della popolazione al finanziamento pubblico dei partiti ma la sostanza della successiva legge sui rimborsi elettorali fu quella di …