Blog
TwitterRssFacebook
Menù

Pubblicato da il 15 Mar, 2012 in Ambiente, Attività & Iniziative, Campobasso, Democrazia Diretta, Eventi, Mobilità, trasporti e infrastrutture |

“La città negata”

“La città negata”

Da qualche mese il gruppo degli attivisti del MoVimento 5 stelle di Campobasso si è unito ad un importante comitato cittadino condividendone appieno non solo gli ideali ma anche, ovviamente, le azioni operative. Il Comitato Isole Pedonali non ha una valenza politica, si compone di semplici cittadini e rappresentanti di diverse associazioni ambientaliste e culturali locali, si batte per la difesa e la creazione di aree pedonali, e, attraverso proposte, per un nuovo piano di mobilità urbana di cui la città di Campobasso ha assolutamente bisogno, visto che negli ultimi anni l’amministrazione, con giunte di destra o sinistra, ha letteralmente distrutto quella città-giardino che solo le persone anziane purtroppo ormai ricordano.
La città capoluogo di regione sta infatti implodendo per colpa del suo traffico caotico e della cementificazione selvaggia, senza che si veda, come contrariamente accade in tante città italiane analoghe, una progettualità verso una mobilità sostenibile, che permetterebbe più facilmente al cittadino di optare per il trasporto pubblico, per un percorso pedonale, o semplicemente di essere più educati alla guida.

Prerogativa del MoVimento 5 stelle è anche quella di sensibilizzare l’opinione pubblica verso temi, quali la mobilità e l’ambiente, di rilevanza fondamentale soprattutto negli agglomerati urbani. E’ per questo che si è deciso di partecipare ad alcune iniziative a nome del Comitato, una su tutte, l’organizzazione dell’assemblea pubblica di sabato 10 marzo tenutasi presso l’Aula Magna del convitto M.Pagano, denominata “La città negata: per una mobilità urbana sostenibile”. L’assemblea è perfettamente riuscita, sono intervenuti in tanti, anche rappresentanti politici, dopo aver ascoltato i due principali relatori invitati, il dott. Leo Terzano dell’Isde, in materia di tutela della salute pubblica, e il dott. G.Virgilio, docente di Urbanistica all’Univ. di Bologna. I suddetti hanno fatto un’analisi approfondita dello stato attuale della città facendo riflettere sui dati relativi al trasporto pubblico, all’inquinamento e al traffico.

Nell’occasione il Comitato ha chiesto pubblicamente alla giunta comunale rappresentata in sala dall’Assessore all’Urbanistica di: ridurre le soste nel centro città, promuovere l’utilizzo del trasporto pubblico e alcuni progetti casa-scuola (Piedibus), chiudere totalmente al traffico veicolare il centro storico, ampliare le isole pedonali e creare spazi di socializzazione, incontro e promozione culturale, realizzare aree di interscambio merci per le attività commerciali e centri commerciali naturali.

Alcuni di noi continueranno per conto proprio ad organizzare nuove iniziative con il Comitato, sperando di raggiungere gli obiettivi sperati, e cioè, radicali cambiamenti nella scellerata gestione della città da parte dell’amministrazione Di Bartolomeo e anche nell’approccio alle strutture da parte degli abitanti.