Fatta la legge trovato l’inganno

PoltronaIn attesa della sentenza del TAR del 17 maggio circa l’annullamento delle elezioni regionali del 2011 (a proposito la sentenza per il nostro ricorso verrà emessa il 10 maggio) il governo regionale con una manovra frettolosa e alquanto pretestuosa ha presentato in I Commissione una proposta di legge che tra le altre cose prevede che in caso di annullamento delle elezioni la Giunta e il Consiglio attuale debbano restare in carica almeno per otto mesi dalla sentenza definitiva (quella del Consiglio di Stato).
Questa legge porterebbe quindi a far coincidere l’evenutale nuova elezione con le elezioni politiche della prossima primavera: questa situazione da un lato porterebbe ad avere dei “salvacondotto” per personaggi non più presentabili a livello regionale ma che possono spendersi a livello nazionale (il Presidente Iorio in primis) e dall’altro garantirebbe a tutti i Consiglieri le indennità per ulteriori otto mesi! L’opposizione in consiglio sembra essere compatta contro questa decisione ma bisogna capire chi realmente ha voglia di tornare subito alle elezioni e chi invece preferirebbe vedere sempre più lontana quella data!

In tutto questo a rimetterci restano sempre i cittadini: governo della Regione senza una reale guida, otto mesi di indennità a dei consiglieri non più leggittimati da elezioni valide (che fanno circa 100mila euro a testa) e il rischio di ritrovarsi nuovamente a dover eleggere 30 consiglieri se non dovesse essere approvato lo Statuto regionale nel frattempo!

 Precedente

Rimborsi elettorali: la botte piena e la moglie ubriaca!

 Successivo

Il M5S a Isernia e ovunque ... libero da ogni legame, voterà secondo coscienza.