Programma regionale MoVimento 5 Stelle Molise

Per capire il senso del MoVimento 5 Stelle e dell’impegno civico dei suoi attivisti, è necessario partire da un presupposto basilare: la forma di governo della democrazia rappresentativa e partitica, quale conosciamo in Italia, ha provocato continui fallimenti, soprattutto nell’ultimo decennio. Fallimenti quando ha generato rappresentanti di dubbia onestà e merito, fallimenti quando ha dimostrato completa indifferenza e distacco dalla volontà dei cittadini; esempi eloquenti in tal senso sono stati i risultati plebiscitari di molti referendum, ma ribaltati nelle aule, da quello sul finanziamento pubblico ai partiti a quello più recente sull’acqua pubblica, poi le promesse altisonanti fatte in pubblica piazza mai mantenute,  e le leggi elettorali che non permettono di scegliere il rappresentante parlamentare ma solo un pre-nominato.

Queste e tante altre evidenti incongruenze di democrazia (démos-cràtos = governo del popolo), chiamiamole così, hanno nel tempo causato forti indignazioni delle masse, completa sfiducia verso le amministrazioni, percentuali sempre più basse di affluenza alle urne, e anche scontri violenti con le forze dell’ordine per veder tutelati i propri diritti; tutte conseguenze di una stessa matrice: il fallimento della politica come sistema, il fallimento del gioco delle contrapposizioni ideologiche per acquisire facili consensi, in cui gli elettori risultano essere solo semplici pedine.

Impegno rinuncia rimborsi elettorali

Stando a queste considerazioni, il cittadino 5 stelle, conscio dell’urgenza di trovare una soluzione allo sfascio, non vuole dare più credibilità alcuna a questo sistema, non vuole semplicemente delegare come richiede la prassi, ma diventa parte attiva nella creazione di una rete orizzontale, di una intelligenza collettiva, di un nuovo metodo, di una nuova democrazia trasparente che riconosce valore a sè stesso, alle sue capacità e competenze, ai suoi diritti, alle sue decisioni, che ripudia i finanziamenti pubblici, i privilegi, i conflitti di interesse e ogni tipo di legame con lobby bancarie ed economiche. Il cittadino 5 stelle predilige un altro tipo di comunicazione a quella abituale del caotico contradditorio televisivo o dello slogan su cartelloni, favorisce invece quella interattiva, sobria, la comunicazione ‘potabile’ e non inquinata e inquinante, la comunicazione che permette un confronto vero con i cittadini; vuole una televisione diversa, un dibattito politico serio, trasparente e incentrato sulle tematiche affinché si crei correttamente un voto consapevole.

Una rete di cittadini aperta, informata e matura, che necessariamente deve entrare nelle sedi decisionali, dai Consigli comunali a quelli regionali fino al Parlamento, per cambiare le cose e dimostrare l’efficienza del metodo partecipativo, mettendoci la faccia e la fedina penale pulita.

Noi in Molise vogliamo concretizzare questo sogno irrefrenabile conducendo una parte di questa rivoluzione politica e culturale. Non siamo un partito, non vogliamo esserlo, non siamo politici di professione, non siamo vincolati da interessi di parte. Ma abbiamo già la forza e le capacità per governare la nostra Regione, e riconsegnarle una dignità e una pulizia necessaria, fino ad ergerla a modello e laboratorio agli occhi della nazione. Abbiamo un programma dettagliato, moderno ed innovativo, creato con l’aiuto e l’impegno di tutti i cittadini 5 stelle molisani, che ci distingue in maniera netta dalla classe politica presente e passata. Ci opponiamo alle caste ed alla devastazione morale, ambientale ed economica del nostro territorio. Vogliamo riportare la politica ai cittadini, gli unici che hanno diritto di decidere del proprio futuro.

La nostra proposta pone a fondamento il principio della partecipazione e mette il cittadino al centro della vita amministrativa attraverso gli strumenti della democrazia partecipata e diretta: i meeting cittadini, i referendum propositivi senza quorum, le iniziative di legge popolare, i sondaggi consultivi, i bilanci partecipati, gli strumenti per realizzare l’urbanistica partecipata, ecc.

Nessuna alleanza elettorale! Il MoVimento ha spezzato la dittatura delle coalizioni consociative che da anni governano il Paese. Grazie a questa sua coerenza è arrivato a governare a Parma.

I consiglieri regionali del MoVimento eletti in Piemonte, Emilia-Romagna e in Sicilia, sono stati gli unici a rifiutare milioni di euro di rimborsi elettorali e restituire alla comunità il 70% dello stipendio. Questi sono i segnali importanti che anche noi del MoVimento 5 stelle Molise vogliamo dare alla popolazione, segnali di pura passione politica e non di meri interessi economici. Rifiuteremo quindi i rimborsi elettorali e i consiglieri eletti percepiranno uno stipendio di 2500€ netti restituendo la restante parte direttamente alla Regione Molise. Siamo l’unica alternativa credibile, e per rendersene conto basta solo aprire gli occhi e avere un forte senso di responsabilità!

E’ da prima di Natale che il MoVimento 5 Stelle Molise ha presentato tutti i suoi candidati alle prossime elezioni regionali, ancora prima è stato scelto il candidato Presidente e addirittura a novembre sono stati scelti i candidati per Camera e Senato. Questo è potuto avvenire perché abbiamo deciso di non stare al gioco delle alleanze, dei compromessi o delle attese: siamo liberi cittadini che liberamente hanno scelto di percorrere questa strada.

Quella che si sta prospettando, inoltre, sembra una campagna elettorale molto dura, che temiamo sarà basata più sulle reciproche accuse che sui contenuti: noi vogliamo dare un primo segno di discontinuità in tal senso pubblicando sin da ora il nostro programma elettorale! Come con le candidature, anche in questo caso in netto anticipo su tutte le altre formazioni.

Il nostro programma ci rende orgogliosi perché è frutto di condivisione di idee e competenze, linfa vitale di ogni intelligenza collettiva. Per questo invitiamo tutti i cittadini a leggerlo, diffonderlo e a contribuire ai successivi miglioramenti.

Scarica il Programma regionale del MoVimento 5 Stelle Molise

 Precedente

Ci riduciamo i compensi...anzi no!

 Successivo

Dialoghiamo, ma con i cittadini molisani