Parco del Matese, un’altra occasione perduta!

Esiste una autentica volontà di tutelare e valorizzare il Matese o la prospettiva di un parco nazionale con un reale monitoraggio del territorio?

La legge di stabilità, in approvazione in queste ore alle Camere, depositerà nella calza della Befana tre nuovi parchi marini. Grazie infatti ad un emendamento del Ministero per l’ambiente, il patrimonio di aree protette del Bel Paese si accrescerà di tre nuove perle che andranno a costituire valide occasioni per la crescita delle economie dei territori interessati.

Anche il Molise avrebbe potuto essere tra le Regioni destinatarie di un provvedimento, che nel nostro caso si attende ormai da più di trent’anni, ovvero l’istituzione del Parco nazionale del Matese. Ma la latitanza e l’ambiguità della politica ha, ancora una volta, infranto questo sogno e cancellata una concreta occasione di sviluppo.

Il 25 ottobre, in una riunione indetta presso il parlamentino regionale, l’assessore all’ambiente Vittorino Facciolla, facendosi portavoce del presidente Frattura, ribadiva la ferma volontà della giunta regionale di istituire un parco nazionale sul territorio matesino. In quell’occasione venne anche concertato un incontro tra l’assessore ed il segretario del ministro per l’ambiente Orlando, Michele Fina. L’abboccamento, da tenersi a Sulmona il 5 novembre in occasione di un convegno internazionale sul lupo con lo scopo di notificare gli intendimenti dell’esecutivo politico, viene clamorosamente bucato dall’assessore Facciolla che non solo non si presenta all’appuntamento, ma si sottrae ai successivi solleciti a prendere contatto con i vertici del ministero.

Appare del tutto evidente, a quel punto, l’impossibilità da parte del ministro Orlando, messo di fronte all’improvviso dietro front, ad assumersi la responsabilità di inserire il Matese nel provvedimento che istituiva i nuovi parchi. Allo stesso tempo, come se niente fosse, il presidente Frattura intervenendo alla conferenza sulla Green Economy, tenutasi a Roma il 12 dicembre presso l’aula magna dell’università La Sapienza, si lancia in ostentati apprezzamenti sul binomio aree protette/sviluppo delle economie locali affermando che “è evidente che un green new deal, una nuova economia orientata alla sostenibilità, alla tutela dell’ambiente, alla valorizzazione delle aree naturali, rappresenta una delle vie principali per ragionare di sviluppo” e aggiunge “sono i numeri, risorse e occupati ‘verdi’, a imporci ragionamenti concreti sui temi della biodiversità, delle aree protette e della green economy”.

A questo punto una domanda sorge spontanea “Ma a che gioco stanno giocando Frattura e Facciolla?”. Esiste una autentica volontà di tutelare e valorizzare il Matese o la prospettiva di un parco nazionale con un reale monitoraggio del territorio (certamente più stringente rispetto ad un parco regionale, creatura più docile nelle mani della politica locale) disturba il manovratore, in particolare alcuni progetti che potrebbero risultare incompatibili con l’istituzione di un’area protetta?

Attendiamo risposte…

 

GDL Ambiente

Autore: Corradino Guacci

Da oltre trent’anni mi occupo di biodiversità ed aree protette. Negli ultimi tempi seguo la storia dei rapporti tra uomo e fauna, in particolare lupo ed orso. Nel 2011 ho fondato una associazione dal nome “Società di storia della fauna”, intitolata ad un grande naturalista molisano Giuseppe Altobello.

Un commento su “Parco del Matese, un’altra occasione perduta!”

  1. ..beh…i politici molisani hanno ben altre priorità…che pensare al parco nazionale del molise..suvvia…e l’autostrada del molise dove la mettiamo..!!??

I commenti sono chiusi

 Precedente

Autostrada: non volerla ma fare di tutto per averla!

 Successivo

Mr. F35 no grazie.