Ecco come la Regione Molise ha gestito le Partecipate – parte I –

Operazione trasparenza Partecipate Regione Molise – parte I –
Incredibile cosa emerge dalla Relazione consegnata dagli ispettori del Ministero!


Operazione trasparenza Partecipate Regione Molise parte I
Dalla Relazione degli ispettori del Ministero dell’Economia e delle Finanze richiesta per verificare su come è, ed è stata, amministrata la Regione Molise negli ultimi anni.
Si legge:

Appare evidente che la Regione ha attuato una serie di interventi finalizzati ad intervenire nei settori produttivi caratterizzati da situazioni di strutturale difficoltà aventi impatti sull’ economia regionale.

Nonostante le ingenti risorse investite, sia in termini di partecipazione al capitale di rischio che di concessione di crediti, attualmente appaiono persistere le problematiche relative alla possibilità di sopravvivenza delle aziende sul mercato senza il supporto finanziario della Regione.

La compatibilità di ripetuti interventi di sostegno con le normative comunitarie in materia, a parere degli scriventi, appare dubbia, sia per la sistematicità degli stessi, che per la concessione di crediti a condizioni non di mercato. Relativamente a quest’ultimo aspetto, va evidenziato che difficilmente un operatore privato concederebbe credito a società che hanno prodotto rilevanti perdite negli ultimi esercizi, mentre sicuramente non lo concederebbe senza interessi.

Inoltre, tali operazioni sono state compiute in presenza di un quadro normativo che tendeva a ridurre la partecipazione degli Enti locali e territoriali nelle società di diritto privato. L’art. 3, comma 27, della Legge n. 244/2007 aveva previsto il divieto di “... costituire società aventi per oggetto attività di produzione di beni e servizi non strettamente necessarie per il perseguimento delle proprie finalità istituzionali né assumere o mantenere direttamente partecipazioni, anche di minoranza, in tali società“.

Appare evidente che, nonostante in varie occasioni la Giunta Regionale abbia fatto riferimento ad una exit strategy che consentisse di salvaguardare il valore patrimoniale delle aziende (vedi, ad esempio, Delibera di Giunta Regionale n. 465 del 7.06.10), allo stato attuale l’attività dello Zuccherificio del Molise e della Gestione Agroalimentare Molisana è ancora strettamente legata all’intervento pubblico.

Occorre inoltre rilevare come le operazioni poste in essere presentino diverse criticità dal punto di vista della gestione del personale. La G.A.M., in particolare, ha acquisito il ramo di azienda gestito dalla Solagrital, ivi compreso il personale dipendente.

L’art. 18, comma 2, del D.L. n. 112/2008, convertito in Legge n. 133/2008, ha previsto che le socjetà a partecipazione pubblica totale o di controllo dovessero adottare criteri e modalità per il reclutamento del personale nel rispetto dei principi di trasparenza, pubblicità e imparzialità. L’assunzione dei dipendenti ex Solagrital non risponde a tali principi ed appare di dubbia legittimità.

Ulteriori criticità in merito a tali operazioni sono individuabili alla luce di quanto previsto dall’art. 1, comma 557-bis, della Legge n. 296/2006 e dall’art. 76, comma 7, del D.L. n. 112/2008, convertito in Legge n. 133/2008, così come modificato dall’art. 14, comma 9, del D.L. n. 78/2010, convertito in Legge n. 122/2010.

Su questo noi del MoVimento 5 Stelle presentammo una mozione a tutela dei lavoratori ma ad oggi il Consiglio regionale ancora non arriva a discuterne.

Le ultime disposizioni richiamate obbligano gli enti a ridurre le spese di personale, ivi compreso quello operante nelle società partecipate ed il divieto di procedere ad assunzioni nel caso in cui venisse superato il rapporto strutturale spesa’ di personale/spesa corrente del 50% (al netto della spesa sanitaria), tenendo conto anche della spesa di personale sostenuta dalle società partecipate.

Come verrà meglio illustrato nella relazione relativa alla spesa di personale, non risulta che l’Ente abbia mai proceduto a verificare il rispetto delle disposizioni normative citate.

Disponibile dalle 11 di domani la seconda parte della Relazione del Ministero dell’Economia e Finanze su come la Regione Molise abbia gestito le partecipate, in particolare la relazione verterà sull’andamento delle società!

 

Ecco il quadro completo, anche con le partecipazioni indirette

 

Partecipare Regione Molise

4 pensieri riguardo “Ecco come la Regione Molise ha gestito le Partecipate – parte I –”

  1. sono ansioso nell’attesa!! attendo la seconda parte fremente di ottenere la giusta informazione. non posso che congratularmi con voi tutti per il sublime lavoro che state facendo, dando la giusta concretezza ai fatti trattati, complimenti davvero. e vaiii viva i cinque stelle dimostriamo appieno cosa possiamo fare noi tutti ognuno con le proprie competenze e capacità per sradicare dalle poltrone i politici incapaci di risolvere i problemi della gente, sanno risolvere solo i loro problemi e quelli dei loro adepti. ( sempre presi per il c… ).

I commenti sono chiusi

 Precedente

Un occhio sull’opera pubblica: facciamo luce sulla frana sulla Fondovalle Verrino e gli 87 interventi in programma.

 Successivo

Ecco come la Regione Molise ha gestito le Partecipate - parte II -