Gestione Agroalimentare Molisana

Ecco le rivelazioni del Ministero dell’Economia e Finanze sulla GAM di Bojano!

Operazione trasparenza Partecipate Regione Molise parte III
Gestione Agroalimentare Molisana

La Relazione degli ispettori del Ministero dell’Economia e delle Finanze utilizza un linguaggio tecnico come si è potuto notare nei precedenti testi presentati. Poiché questa risulta più complessa e una delle missioni del MoVimento 5 Stelle è quello di rendere di facile fruizione i testi tecnici che per il loro linguaggio creerebbero una barriera tra chi scrive e chi legge, abbiamo parafrasato e reso fruibili alcuni paragrafi, senza stravolgerne senso e contenuto, che riconoscerete nel testo.
Per coloro i quali fossero interessati al testo originale sarà comunque disponibile in fondo all’articolo.

La Regione Molise, nel corso del periodo 2008-2013, ha posto in essere una serie di interventi finalizzati a sostenere la filiera avicola regionale, caratterizzata da uno stato di crisi. Nell’anno 2008, con Delibera di Giunta Regionale n. 1395 del 17.12.08, ha autorizzato la concessione di un prestito oneroso di € 5.000.000,00 alla Solagrital S.c.a.r.l., società partecipata indirettamente dalla Regione tramite l’ex ERSAM, che deteneva una quota di capitale di circa il 75%. La somma in questione era stata richiesta dalla Solagrital, con nota del 12.12.08, per poter corrispondere le spettanze stipendiali al proprio personale relative ai mesi di dicembre 2008, gennaio 2009 e tredicesima 2008, oltre a quanto dovuto agli allevatori ed ai trasportatori.

Nell’anno 2009, perdurando le difficoltà finanziarie della Solagrital, con Delibera di Giunta Regionale n. 370 dell’1.04.09 è stato approvato un complesso progetto di intervento. In sintesi, l’attività avicola sarebbe stata gestita da una nuova società a prevalente partecipazione pubblica (G.A.M.), che sarebbe stata in primo luogo costituita dalla Solagrital ed a cui sarebbe stato trasferito il ramo di azienda, la cui proprietà [la maggioranza delle azioni] sarebbe stata acquistata dalla Regione al prezzo massimo di € 27.000.000,00, scontato dei € 5.000.000,00 erogati [di cui € 5.000.000,00 mediante trasformazione in conto prezzo di quanto corrisposto] con la precedente Delibera di Giunta Regionale n. 1395 del 17.12.08.

L’attività sarebbe stata quindi data in affitto alla Solagrital per un periodo non inferiore a 12 anni, in modo da consentire l’equilibrio economico e gestionale del nuovo soggetto.
Con la medesima delibera è stato altresì previsto di dare a [capitalizzare in] Solagrital un precedente prestito concesso dalla FinMolise di € 1.273.155,29, comprensivo di sorta capitali ed interessi. Inoltre la Regione Molise si sarebbe fatta carico delle spese vive necessarie al perfezionamento dell’operazione, indicate in € 715.000,00.

Leggendo la relazione del Collegio Sindacale al bilancio 2009 è possibile rilevare che in tale esercizio l’ERSAM ha ceduto alla GAM azioni del valore di € 4.644.000,00 e crediti nei confronti di Agrinvest del valore di € 7.436.979,36, il tutto per un corrispettivo pari a zero.

In quest’ultimo passaggio evidenziato in grassetto si dice che dalla relazione del Colleggio Sindacale allegata al bilancio 2009 si capisce come l’ERSAM ha passato gratuitamente alla GAM € 4.644.00,00 in azioni che deteneva e € 7.436.979,36 di crediti vantati nei confronti di Agrinvest (società legata al gruppo Arena).

Con Delibera di Giunta Regionale n. 210 del 25.03.10 la Regione ha autorizzato l’acquisto da parte della G.A.M. del complesso aziendale, di proprietà di Logint S.r.l., per un prezzo complessivo di € 37.000.000,00.

Successivamente, con Delibera di Giunta Regionale n. 382 del 12.05.10, la Regione ha concesso alla G.A.M. un prestito di € 10.000.000,00, a titolo gratuito e senza interessi, che sarebbe stato rimborsato in 20 anni con rata annua di € 500.000,00. Tale somma doveva servire a saldare parzialmente il debito della G.A.M. nei confronti della Solagrital, relativamente alle spese [che aveva anticipato (mediante cessione di crediti) le somme] necessarie ad ottenere l’usufrutto oneroso del complesso aziendale, che sarebbe divenuto acconto sul prezzo di cessione.

Con Delibera di Giunta Regionale n. 392 del 20.05.11 la Regione Molise ha trasferito alla G.A.M. il credito vantato nei confronti della Solagrital per € 5.084.516,00 come rilevabile dalla nota integrativa al bilancio 2011. Tale credito è stato convertito in azioni Solagrital a seguito di sottoscrizione di un aumento di capitale.

Nonostante gli interventi realizzati, nell’anno 2012 la Solagrital è stata assoggettata alla procedura di liquidazione coatta amministrativa e la Regione Molise, con Delibera di Giunta Regionale n. 630 del 4.10.12, ha autorizzato la sottoscrizione di un contratto di affitto da parte della G.A.M. dei rami di azienda della Solagrital e della Avicola Molisana, al fine di salvaguardare la filiera avicola. Le risorse necessarie all’operazione sarebbero state messe a disposizione da FinMolise. I contratti di affitto sono stati sottoscritti nel corso dell’anno 2012.

Disponibile dalle 10 di domani l’approfondimento sullo Zuccherificio del Molise tratto dalla Relazione degli ispettori del MEF!

Mentre, per chi se le fosse perse, qui trovate la I parte della nostra operazione trasparenza sulle partecipate della Regione Molise, e qui la II parte.

3 pensieri riguardo “Gestione Agroalimentare Molisana”

  1. ottimo ma ci si deve chiedere : che fine hanno fatto tutti questi soldi !!!! una qualsiasi impresa che gestisce tanti soldi deve renderne conto perchè in questo caso non si è fatto ? dove è la magistratura e da GDF ? chi è del campo conosce bene i particolari e chi c e dietro a tutto questo e…. guarda un pò … ci sono personaggi che oggi siedono dalla parte del tavolo di chi deve risanare …. ipocrisia pura . e anche voi m5s alzate al voce oppure sarete ritenuti conniventi. unica cosa buona : basta assistenzialismo… ma : DA QUALE PULPITO DLF !!! QUALE GRANDE IMPRENDITORE EGLI E’ .. QUANTA RICCHEZZA HA DATO A QUESTA TERRA… QUANTI SOLDI SI E’ MESSO IN TASCA CON GLI INCARICHI DEL SUO CARO AMICO VITAGLIANO E IORIO… POVERA NOSTRA TERRA E CHE IMBECILLI QUELLI CHE CREDONO ALLE FAVOLE

  2. PS : tutto quello che voi adesso rilevate è stato già da tempo esaminato in ogni particolare e sono stati evidenziati tutti i passaggi oscuri … basta leggere i giornali di qualche anno fa. peccato che allora nessuno parlava.. perfino giornali di parte hanno pubblicato la ricostruzione dei passaggi … critici

I commenti sono chiusi

 Precedente

Ecco come la Regione Molise ha gestito le Partecipate - parte II -

 Successivo

Bio.com: Frattura vs Frattura!