Ancora Dirigenti all’ARPAM!?

L’Agenzia Regionale Protezione Ambiente, con proprie delibere (da 290 a 293) datate 2 ottobre 2014, ha proceduto all’emanazione degli avvisi pubblici per il conferimento di quattro incarichi per dirigenti per le seguenti unità:

  • U.O.C. Attività tecniche ed informatiche;
  • U.O.C. Servizi Laboratoristici presso il Dipartimento provinciale di Campobasso/Sezione di Termoli;
  • U.O.C. Servizi Territoriali presso il Dipartimento provinciale di Campobasso/Sezione di Termoli;
  • U.O.C. Servizi Territoriali e laboratoristici presso il Dipartimento provinciale di Isernia.

L’ARPA Molise, facendo parte del cosiddetto Sistema Regione Molise, deve rispettare tutto quanto concerne sia la trasparenza amministrativa sia gli interventi volti alla riduzione e la razionalizzazione della spesa pubblica regionale, così come più volte richiamato anche nella Delibera di Giunta regionale 447/2013, al fine di ottimizzare le azioni di contenimento della spesa pubblica in un ottica di spending rewiew.

Era proprio nella suddetta delibera 447/2013 che il Presidente Frattura prevedeva,  in caso di variazioni nell’organico di un Ente o di una Agenzia, di vincolare tale variazione ad un parere da parte della Giunta, in modo da poter vigilare ed eventualmente contenere le spese, ma tutto ciò naturalmente pare proprio che non sia stato fatto. Quindi, nonostante l’ARPA abbia correttamente inviato alla Giunta i documenti, questa non ha inviato alcuna osservazione, con il risultato che l’ARPA stessa ha potuto procedere spedita per la sua strada e bandire i quattro avvisi pubblici per un totale di circa altri 400 mila euro annui, che graveranno sulle casse già malconce dell’Agenzia.

Ricordiamo che l’ARPA attualmente, nella persona del suo Direttore Generale,  reclama periodicamente e costantemente fondi alla Regione Molise, asserendo che quelli a disposizione riescono a mala pena a soddisfare gli stipendi del personale, quindi la funzione di salvaguardia del territorio risulta compromessa dalla scarsità di risorse.

Inoltre l’indizione di nuovi bandi o avvisi pubblici doveva essere successiva ad una riorganizzazione dell’Agenzia con eventuale riduzione delle Unità Operative Complesse, ma nemmeno questo è avvenuto, e si è proceduto direttamente con i nuovi avvisi, quando un riassetto sarebbe davvero auspicabile.

Ma in Molise si sa, quando si tratta di “contenere i costi” Frattura è stato bravo con mirabolanti promesse  ma inconcludente nei fatti, e noi non riusciamo proprio a capire come mai la Giunta non ha inviato le proprie osservazioni.

Pertanto abbiamo presentato formale interrogazione e ci riserviamo di portare avanti ulteriori azioni, con cui chiediamo sostanzialmente due cose:

  • Come mai la Giunta non esprime alcun parere in merito alla richiesta di parere proposta dall’ARPA sugli avvisi pubblici per quattro Dirigenti?
  • Come si intendono coprire gli oneri derivanti dalla applicazione di quanto disposto nelle Delibere ARPAM nn. 290-293 del 2 ottobre 2014 con cui su procede all’emanazione degli avvisi pubblici per il conferimento di quattro incarichi per dirigenti U.O.C. ovvero, dove prenderanno i soldi?

 Precedente

Un Molise senza barriere è (im)possibile?

 Successivo

Il Registro Tumori e l'evidente imbarazzo di Frattura