Gli appalti volano da te con ALI…

Pubblichiamo questo articolo, scritto il 3 novembre, solo oggi poiché la data odierna era quella scelta per il termine del bando di cui si parla nel testo e, pertanto, segnaliamo anticipatamente che una parte delle amenità presenti nella sua stesura iniziale (di cui troverete i file salvati) sono state sanate con la determina dirigenziale del 7 novembre 2014, n. 112, a 12 giorni dalla scadenza con la ripubblicazione dei relativi atti rettificati.

Molise Dati S.p.A. da diverso tempo non è più la stazione appaltante per conto della Regione Molise e in sua sostituzione, con delibera di Giunta regionale n. 435/2014, è stata individuata “ALI Comuni Molisani” quale centrale di committenza per l’intero Sistema Molise, così come definito nella precedente DGR n. 447/2013.

Ali Comuni Molisani è una associazione in convenzione, nata ai sensi del d.lgs.  267/2000, a cui hanno aderito quasi la totalità dei Comuni molisani, la Provincia di Campobasso, di Isernia ed anche la Regione Molise.

A questa associazione, con delibera di Giunta regionale n. 505/2014, è stato dato mandato di cercare quale sarà il nuovo soggetto che si occuperà della riscossione del bollo auto e di altri tributi locali, quindi di realizzare una gara aperta per individuare il nuovo esattore del Molise.

Per capire come ALI Comuni Molisani lavori siamo andati a spulciare gli ultimi bandi sino al 3 novembre 2014 (link attuale rettificato – snapshot originale) e tra i vari abbiamo preso ad esempio un appalto per l’esecuzione dei lavori di ricostruzione del plesso scolastico da destinare alle attività di scuola dell’infanzia, primaria e secondaria distrutte dal sisma nel Comune di Ururi il cui importo è di oltre due milioni di euro di soldi regionali*  e, per tale cifra, potrebbe interessare potenzialmente imprese di tutt’Italia.

Consci della regolarità del bando di gara (ALI link attuale rettificato  – Bando originale Archivio M5S) andiamo a leggere cosa riporta insieme al disciplinare di gara:

  • Per partecipare all’appalto, innanzitutto, ci sono tre sole settimane, da venerdì 24 ottobre, data di pubblicazione del bando stesso, fino al 19 novembre, termine ultimo.
  • Per ritirare la documentazione tecnica cioè un cd (con file pdf, mica dwg!) è necessario prendere appuntamento telefonico con l’Ufficio tecnico, fare richiesta scritta, pagare diritti di segreteria per €400,00 e poi recarsi presso il Comune di Ururi e ritirare un cd! Mica male come importo per un cd e soprattutto nell’era dell’informatica dove basterebbe caricare i file sul sito e renderli scaricabili da qualsiasi impresa voglia!
  • Tra gli allegati da presentare in busta chiusa e anonima ci dovrà essere anche la Certificazione di presa visione degli elaborati tecnici e dei luoghi su cui dovranno essere effettuati i lavori, rilasciato dal Comune, per cui quando perverranno le buste chiuse ed anonime già probabilmente si avrà un’idea delle imprese che hanno risposto al bando perché sono quelle a cui il Comune stesso avrà rilasciato questo certificato, che la norma nazionale non prevede, ma che in Molise è spesso richiesto, ma a cui altrettante volte non segue una effettiva visita sui luoghi del futuro cantiere.

Andiamo ad analizzare il merito tecnico previsto nella tabella di valutazione:

  • Si evidenzia subito come il progetto sia con offerta migliorativa, cioè chi è in grado di migliorare maggiormente il progetto già realizzato si aggiudica l’appalto. Quindi praticamente in tre settimane lo studio interessato dovrà acquisire la documentazione dal Comune (come riportato nel bando non meno di 2 giorni lavorativi), spendendo la bellezza di €400,00 e avere degli inutili pdf che dovrà ridisegnare in dwg, poi potrà iniziare a studiare come migliorare il progetto!
  • Inoltre, altra assurdità, vengono assegnati ben 12 punti sui 100 disponibili a chi possiede, alla data di pubblicazione del presente bando (e non alla data di scadenza come sempre accade) il “certificato di conformità alla norma SA 8000:2008 sistema di gestione per l’Etica rilasciato da apposito Ente di Certificazione“, che riguarda in sostanza il rispetto dei diritti umani! E’ evidente che non essendo un certificato indispensabile, tantissime imprese non l’avranno.

Ricapitolando è stato bandito un appalto di oltre due milioni di euro, dove si hanno tre sole settimane per preparare tutta la documentazione ed occorrono:

  • una spesa minima di ben 400,00 euro per un cd inutile, dato che contiene documenti tecnici in pdf da dover ridisegnare in dwg;
  • il dover recarsi presso il Comune di Ururi per ritirare il Certificato di presa visione;
  • il partecipare ad un progetto per offerta migliorativa dove bisogna conoscere alla perfezione il progetto per sapere dove intervenire e migliorare, impossibile in sole tre settimane;
  • il possesso del certificato SA 8000:2008.

Se non fosse chiaro, in particolare l’ultimo certificato taglia fuori le ultime eroiche imprese intenzionate a partecipare, perché seppur non indispensabile, consente alle sparute imprese che lo posseggono un vantaggio enorme: di poter presentare ribassi significativamente inferiori, sacrificando qualche punto dei 20 disponibili assegnati dalla tavola del merito tecnico.

Ribadendo la nostra assoluta fiducia che tutto sia stato svolto nei modi più corretti, questo bando appare scritto per far capire a tutte le imprese molisane e non, che ad aggiudicarselo debba essere qualcuno ben preciso, che magari possiede già i file dwg (ma sicuramente non è così!), che sa dove intervenire in modo migliorativo (ma sicuramente non è così!) e che possiede il certificato SA 8000:2008 e pertanto pagherà anche la cifra di €400,00 perché conscio di aggiudicarsi l’appalto.

Questi sono gli appalti, ineccepibili dal punto di vista tecnico-formale, che ALI Comuni Molisani, con a capo il Presidente Frattura, ha intenzione di bandire, a noi sembrano davvero surreali e pertanto inviteremo a cambiare questa metodologia con la libera disponibilità dei documenti tecnici on-line in formato dwg, il libero sopralluogo dei luoghi senza certificato di presa visione anche mediante foto digitali disponibili on-line, senza oneri di segreteria e con assegnazione con il metodo della media (o media mediata), a cui parteciperanno centinaia e centinaia di imprese da tutta Italia, che non si dissangueranno le imprese per partecipare al maggiore ribasso e il vincitore sarà una impresa casuale che si troverà al centro di tutte le offerte proposte!

Saremmo anche curiosi di sapere cosa ne pensa l’ANCE, nonchè i vari ordini professionali coinvolti.

* Finanziamento della Regione Molise – Ufficio della Protezione Civile, giusti Decreti Commissariali allegati alla determinazione dirigenziale n° 297 del 08.10.2008; n° 075 del 19.04.2010; n°14 del 20.04.2012.

 Precedente

Campitello Matese, il sogno nel cassetto!

 Successivo

Discarica di Montagano, la Giunta vuole ampliare invece di ridurre