#FirmeRAI

La Vigilanza RAI ha preparato il nuovo Contratto di Servizio per una RAI migliore, ma RAI e Ministero dello Sviluppo Economico lo tengono bloccato!

Vuoi una RAI più trasparente e giusta, e un canone più equo?

Partecipa subito alla campagna firmeRAI!

La Vigilanza RAI ha preparato il nuovo Contratto di Servizio per una RAI migliore, ma RAI e Ministero dello Sviluppo Economico lo tengono bloccato!

Insieme a Enrico Montesano, Paolo Rossi, Dario Fo, Claudio Santamaria, Patrizio Rispo, diffondiamo a tutti il messaggio della Vigilanza RAI.

Clicca anche tu su www.firmerai.it, per partecipare attivamente: chiedi subito la firma del Contratto, e coinvolgi gli amici sui social.

Una RAI migliore è possibile!

Dal 7 maggio dell’anno 2014 la commissione di Vigilanza Rai di cui sono il presidente ha proposto modifiche per rendere la RAI più equa nel pagamento del canone, più attenta a chi vuole imparare le lingue, più vicina a artisti e registi esordienti, più rispettosa dei bambini. Tutte queste proposte sono contenute nel nuovo contratto di servizio, che, però, giace da mesi nei cassetti del Ministero dello Sviluppo Economico e non si sa quando sarà sottoscritto. Vogliamo tutti un servizio televisivo nuovo, di cui andare fieri! Il Ministero e la Rai ne devono tenere conto, per questo vi chiediamo di farglielo sapere. Per migliorare la Rai basta una firma.

Roberto Fico – Presidente della Commissione di Vigilanza Rai

2 pensieri riguardo “#FirmeRAI”

  1. Ho inviato l’email per una RAI veramente piu’ giusta e trasparente come tutte le battaglie in prima linea che il MOVIMENTO tenta disperatamente di vincere nonostante l’opposizione dei nostri politici corrotti che non hanno mai pensato agli interessi del POPOLO ma solo e sempre i propri.Volevo ringraziare tutti quelli del movimento che ogni giorno devono combattere nell’ARENA contro LEONI IENE armati solo di onesta’ e giustizia sociale.Grazie vinceremo

I commenti sono chiusi

 Precedente

Gestione delle Quote Zucchero, Pasini pronto a sostituirsi alla NewCo?

 Successivo

Un'ingiustizia chiamata Imu: agricoltura in ginocchio