Molise Cultura: bando nuovo, problemi (e volti) vecchi

Dubbi sul bando per il nuovo direttore della Fondazione Molise Cultura e sull’intera gestione del settore in regione; perplessità per la “scomparsa” del Testo Unico in materia.
Il MoVimento 5 Stelle ha appena depositato una interrogazione in Consiglio regionale che invoca chiarezza sull’organizzazione della Cultura in Molise.

Pare, infatti, che per dirigere la principale fondazione culturale del Molise basti il diploma, forse in virtù del fatto che tutti devono poter avere le stesse possibilità di ambire alla poltrona. Peccato che siano anche altri i requisiti richiesti per l’incarico di nuovo direttore della Fondazione Molise Cultura. Oltre al diploma, infatti, serve essere molisani, ma soprattutto occorre aver trascorso tre degli ultimi cinque anni alla direzione di un “ente di promozione culturale”. Non solo: bisogna essere in “possesso di documentata esperienza e professionalità nel campo dell’informazione e della comunicazione”. E allora no: l’incarico non è accessibile a chiunque, anzi.

A leggere bene l’avviso pubblico contenuto nella DGR 48/2015 , infatti, il bando appare essere pensato per tutti, ma cucito per qualcuno in particolare. Malelingue? Chissà, magari anche questa volta, come qualche mese fa, ci scopriremo profeti sull’assegnazione del bando all’associazione MeMo!

Comunque sia, il MoVimento 5 Stelle Molise ha letto questo bando ed esprime perplessità sui requisiti richiesti, ma anche sulle modalità di scelta del nuovo direttore.
Tuttavia, il problema è più ampio.

Nell’ottobre 2013 quando si svolse un Forum regionale della Cultura durante il quale vennero realizzate le audizioni degli operatori del settore, per l’adozione di un Testo Unico sulla Cultura. Un Testo al momento scomparso, magari dimenticato in un cassetto.

Per aprire quel cassetto e, più in generale, per fare chiarezza del sistema culturale molisano, il MoVimento 5 Stelle ha presentato un’interrogazione al presidente Frattura, articolata in quattro punti. I consiglieri Manzo e Federico vogliono sapere come sono stati individuati i requisiti per formulare l’elenco di candidati idonei all’incarico di Direttore della Fondazione Molise Cultura, quali saranno i criteri di scelta, in particolare, per individuare il nuovo Direttore e come si intende riorganizzare le funzioni della stessa Fondazione. Il MoVimento 5 Stelle, inoltre, vuol sapere perchè il Testo Unico della Cultura non è ancora giunto al vaglio della IV Commissione Permanente.

2 pensieri riguardo “Molise Cultura: bando nuovo, problemi (e volti) vecchi”

  1. in effetti ciò che dovrebbe fare indignare non è tanto l’ avviso pubblico ( essendo l’ organismo in questione una Fondazione non si applica il dlgs.165 sugli incarichi pubblici e quindi i criteri di scelta non sono vincolanti) ma il fatto di aver istituito( Governo Iorio) e di tenere in vita ( Governo Frattura) l’ ennesimo carrozzone non utile e necessario ai Molisani.I compiti e funzioni della Fondazione possono essere svolte con la struttura regionale esistente presso l’ Assessorato alla Cultura, senza gli aggravi di spese( e che spese!) per un Direttore esterno e di un Consiglio di amministrazione.

I commenti sono chiusi

 Precedente

Un'ingiustizia chiamata Imu: agricoltura in ginocchio

 Successivo

Imu agricola, la Regione si muove sotto la spinta del MoVimento 5 Stelle