Blog
TwitterRssFacebook
Menù

Pubblicato da il 28 Apr, 2015 in Consiglio Regionale, Novità | 1 commento

Reddito minimo e stop alle pensioni d’oro: vittoria! Ma è solo l’inizio

Reddito minimo e stop alle pensioni d’oro: vittoria! Ma è solo l’inizio

Un lungo confronto iniziato nei giorni scorsi ha trascinato il MoVimento 5 Stelle e il Governo regionale a proporre in Aula lo stanziamento delle prime risorse a favore del reddito minimo di cittadinanza approvato da tutto il Consiglio regionale.

Una linea politica che abbiamo portato avanti da sempre, sia in ambito nazionale che regionale, ha trovato finalmente la sua consacrazione dopo una lunga notte passata in Consiglio per l’approvazione della Legge di Stabilità 2015: sono stati stanziati un milione di euro in favore di un “fondo per l’inclusione sociale ed il contrasto alla povertà”, in altre parole il reddito minimo di cittadinanza!

La seduta è stata estenuante e non sono mancati momenti di tensione, ma alla fine si è giunti ad aprire concretamente la strada al miglioramento delle condizioni di vita di centinaia di famiglie che vivono al di sotto della soglia di povertà.

Altro risultato importante, frutto anche questo di settimane di dichiarazioni e pressing mediatico, è stato quello riguardante il nuovo sistema pensionistico dei Consiglieri regionali: si è ottenuto il dimezzamento del montante contributivo che dà corpo alle pensioni di consiglieri ed assessori. In questo modo, ad esempio, si è evitato che un consigliere con un solo mandato potesse maturare la pensione che raggiunge un cittadino medio dopo 40 anni di contributi versati.

Per di più il Consiglio regionale potrà risparmiare oltre 250mila euro all’anno. Le aliquote ora sono le stesse previste alla Camera. Senza scendere troppo nel tecnico, basti pensare che la quota riferita ai singoli consiglieri è stata più che dimezzata, ma anche la quota riferita all’intero consiglio è stata ridotta in modo netto.

Sono risultati dei quali andiamo fieri: il NO deciso alle superpensioni e il SI’ convinto al Reddito minimo sono punti sui quali non si transige, due passi importanti per rendere l’operato della politica più equo e più vicino alla realtà.

Certo, lo ripetiamo: tanto si può e si deve ancora fare. Il MoVimento 5 Stelle ne è certo e per questo, nonostante i risultati ottenuti, ha votato contro la legge di stabilità, il collegato e contro il Bilancio 2015. Avevamo presentato, infatti, emendamenti su indennità e ulteriori riduzioni dei vitalizi già in fase di erogazione (a proposito, abbiamo una legge già pronta per cancellarli) ma, come prevedibile, le nostre proposte sono state bocciate.

1 Commento

  1. Complimenti! Ci tengo pero’ a sottolineare che nel comunicato manca la data di inizio dell’eventuale pagamento del reddito di cittadinanza e l’ammontare; inoltre sarebbe interessante approfondire il numero di aventi diritto, le fasce di eta’, i singles e le coppie, le nonne etc…
    Se avessi avuto questi dati avrei condiviso la notizia si Facebook…attendo con gioia!
    Bravi, avanti tutta!
    P.S. Peccato che questa notizia sia offuscata dai disordini di Milano…

Trackback/Pingback

  1. Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci. | MoVimento 5 Stelle Molise - […] di mettere in condizione tutti di poter vivere dignitosamente, ad esempio tramite strumenti come il reddito di cittadinanza, e…