Infoday a Termoli sui fondi diretti Europei e le PMI

Infoday sui fondi diretti Europei a Termoli il 04 Luglio 2015

Dopo l’incontro del PMI tour tenutosi a Campobasso a fine maggio, ora si svolgerà a Termoli una sessione formativa per parlare dei fondi diretti europei relativi alla programmazione 2014-2020: evento organizzato e promosso dall’Eurodeputato Rosa D’Amato, portavoce del MoVimento 5 Stelle al Parlamento Europeo e realizzato in collaborazione con il gruppo EFDD e il M5S Molise.

L’attenzione che il MoVimento ha sempre dato al settore delle piccole e medie imprese, tessuto imprenditoriale ma anche sociale del nostro territorio, ha permesso ai diversi gruppi di attivisti sparsi in Italia di organizzare numerosi incontri sul tema; facilitando l’esposizione dei parlamentari o dei professionisti invitati e i successivi dibattiti formativi. Il Molise non è stato da meno in questi anni, perché rendere note le informazioni, facilitare l’accesso alle opportunità sia in campo europeo che locale è una nostra priorità. Il nostro territorio ha una grande potenzialità, non sempre valorizzata dalla politica attraverso i fondi europei che, come noto, molte regioni, tra cui anche il Molise, non riescono a sfruttare interamente.

Ci rivolgiamo in particolare alle PMI, vera spina dorsale della nostra economia, parleremo dei programmi:
COSME, il nuovo programma della Commissione europea dedicato al sostegno delle imprese e delle PMI, e ha lo scopo di migliorarne competitività e internazionalizzazione, di facilitarne l’accesso ai finanziamenti e ai mercati, nonché di promuovere la cultura imprenditoriale in Europa.
SME Instruments, lo Strumento per le PMI é un sotto-programma all’interno del quadro” Horizon2020″, ovvero il Programma dell’Unione Europea per la Ricerca e l’Innovazione, ed i cui bandi sono in scadenza a Marzo, Giugno e Settembre 2015.

L’appuntamento è per sabato 4 Luglio alle 18 presso la Galleria Civica di piazza S.Antonio a Termoli.

 Precedente

Pozzi radioattivi di Cercemaggiore: vogliamo risposte vere!

 Successivo

Finanziaria 2015: il Governo bacchetta Frattura!