Registro Tumori, legge approvata ma manca ancora un piccolo passo

Finalmente il Consiglio regionale ha varato la legge che istituisce i registri dei tumori, della mortalità e di altre patologie, strumenti essenziali per la programmazione della spesa sanitaria e per la valutazione dell’efficacia sia delle cure oncologiche sia delle campagne di screening. Un passo in avanti importante, fatto con l’appoggio del MoVimento 5 Stelle Molise, che pone le basi per superare lo scoglio burocratico legato alla privacy e al trattamento dei dati.

Il MoVimento 5 Stelle Molise da anni lavora per l’entrata a regime del Registro Tumori, del Registro di mortalità e del Registro dei mesoteliomi. Tanto abbiamo detto e anticipato, abbiamo ricostruito una sequenza di delibere di giunta e provvedimenti dirigenziali Asrem lunga oltre dieci anni, abbiamo presentato atti ispettivi e lavorato su diversi fronti.

Il MoVimento 5 Stelle Molise ha anche sollecitato più volte il governo regionale per superare i problemi che ostacolavano il lavoro del Registro. Già ad aprile 2016 addetti ai lavori e associazioni chiedevano “soluzioni immediate”, da allora è passato un anno e mezzo. E addirittura già nel 2011 la legge finanziaria demandava alla Giunta di presentare al Consiglio una proposta di legge del Registro per la messa a regime dello strumento: ben cinque anni fa.

Per questo a giugno scorso vi avevamo detto che il 2017 sarebbe per forza dovuto essere l’anno dell’accreditamento a livello nazionale del Registro Tumori molisano e quello di oggi è sicuramente un passo avanti che ci ha visto coinvolti nei lavori in maniera propositiva, ma bisogna anche dire che la legge arriva tardi e il suo semplice varo da solo non può nulla se non seguirà una direttiva immediata della Giunta che la renderà efficace.
Ora infatti serve una ulteriore volontà politica e tecnica per rendere efficace la legge approvata.

Il MoVimento 5 Stelle Molise seguirà tutti i prossimi passaggi istituzionali per garantire ai molisani uno strumento, prima di tutto, di civiltà.

 Precedente

Piccoli Comuni, ecco le novità della legge M5S

 Successivo

Lavoro e sgravi fiscali, una presa in giro lunga 5 anni