Rivoluzione Rousseau: ora ogni molisano conta di più

Una giornata che è andata oltre la formazione. L’Open Day Rousseau in Molise ha significato rafforzare il senso di comunità che contraddistingue il MoVimento 5 Stelle rispetto a tutti gli altri partiti.

Ancora una volta portavoce di ogni grado, attivisti e cittadini si sono incontrati per far circolare idee e scoprire nuovi modi per cambiare in bene il proprio Comune, la propria Regione, il proprio Paese.

Nella sede della Palladino Company a Campobasso con il portavoce M5S di Roma Capitale Angelo Sturni, responsabile del corso ‘Strumenti di partecipazione e di consultazione popolare negli enti locali’, abbiamo parlato del diritto alla partecipazione democratica elettronica nel Codice dell’amministrazione digitale sulla scorta di quanto già realizzato accanto alla sindaca Virginia Raggi.
Abbiamo quindi capito come modificare uno Statuto e intervenire su un regolamento, come creare gli strumenti che possono rendere concretamente partecipi i cittadini nei processi decisionali di un’amministrazione pubblica. E a proposito di democrazia diretta è stato quasi scontato il riferimento alla situazione di Termoli circa la mancata concessione del referendum sulla costruzione del tunnel.

Ecco il video integrale dell’intervento di Angelo Sturni.

Dopo la sessione formativa, spazio all’incontro pubblico con la responsabile nazionale OpenDay Rousseau, Enrica Sabatini, e il responsabile E-learning Nicola Morra.

Enrica ci ha guidato indietro nel passato, agli albori del MoVimento, ha ricordato Gianroberto Casaleggio, il suo pensiero e il suo lascito: la piattaforma di partecipazione Rousseau, una rivoluzione che sta allargando i suoi effetti. Prima di far tappa a Campobasso, Enrica è stata in decine di città italiane, da Nord a Sud, arrivando finanche all’estero, a Helsinki ad esempio e presto sarà in Brasile.
Già, perché anche gli altri Paesi studiano il sistema operativo del MoVimento 5 Stelle.

Nicola Morra, poi, ci ha portato a lezione di Rousseau, ma il suo non è stato un intervento intriso di tecnicismi, ma un viaggio narrato con arte, un itinerario contraddistinto da tappe precise. Così abbiamo approfondito Lex Iscritti con cui presentare proposte di legge oppure Lex Parlamento, Regioni ed Europarlamento con cui modificare, commentare o integrare le proposte di legge presentate dai nostri portavoce. Oppure ancora Voto per scegliere i propri candidati e le priorità del programma, E-learning per formarsi a distanza, Sharing per condividere proposte, idee e buone pratiche, Call to Action per promuovere azioni di cittadinanza attiva sul proprio territorio e Scudo della Rete per garantire la tutela legale ad iscritti ed eletti del MoVimento 5 Stelle.

La nostra portavoce in Consiglio regionale Patrizia Manzo ci ha spiegato come mettere in pratica gli indirizzi di Rousseau. Lo ha fatto raccontando la nascita e lo sviluppo della proposta di legge sulla canapa che il MoVimento 5 Stelle Molise è riuscito a far approvare nei mesi scorsi. Un esempio chiaro di condivisone.

Infine gli interventi del portavoce M5S in Consiglio regionale Antonio Federico che ha parlato dell’importanza della funzione Call to Action nella scrittura del programma a 5 Stelle e del portavoce al Comune di Campobasso, Roberto Gravina, che ha raccontato l’importanza dello sharing a favore della trasparenza nei Comuni.

Ecco lo streaming dell’intero incontro pubblico con tutti gli interventi.
Partecipa al cambiamento, fai sentire la tua voce con Rousseau.

Lascia un commento

 Precedente

#OpenDayRousseau - La rivoluzione fa tappa in Molise!

 Successivo

Allarme azzardo in Molise: numeri impressionanti