Registro tumori, serve il regolamento sul trattamento dei dati personali

Il gruppo consiliare del MoVimento 5 Stelle Molise ha presentato una mozione per impegnare il governatore Toma a emanare un regolamento sul trattamento dei dati personali, per far finalmente decollare il Registro Tumori che, in teoria, dovrebbe essere già pienamente operativo dal 2010

Il Registro Tumori è uno strumento fondamentale per la raccolta di informazioni sull’incidenza e sulla prevalenza delle malattie tumorali, in quanto supporta la politica socio-sanitaria volta alla pianificazione e alla valutazione di programmi preventivi per l’assistenza a pazienti affetti da neoplasia, nonché utile strumento per valutare l’impatto sanitario sul territorio di alcuni impianti produttivi o di specifici stili di vita.

Dal 2010, con l’approvazione del Piano della Prevenzione della Regione Molise per il triennio 2010-2012, viene incluso il Sistema di sorveglianza epidemiologica della Regione Molise in cui è prevista la costituzione di una struttura centrale presso la Direzione Generale V (con funzioni di indirizzo e coordinamento, elaborazione e diffusione dati) e cinque strutture periferiche che avranno il compito di raccogliere, selezionare e trasmettere, attraverso report semestrali, i dati di interesse relativi a morbi-mortalità.

Tra le attività di sorveglianza epidemiologica rientrano anche quelle recanti “Indicazioni operative per l’attivazione del Registro Tumori di Popolazione (RTPM), del Registro Unico di Mortalità (RENCAM) e del Registro dei Mesoteliomi (RENAM).”

“Il Registro Tumori, però – spiega Patrizia Manzo – non è mai entrato in fase operativa proprio per la mancanza di un regolamento sul trattamento dei dati personali. E già durante la scorsa legislatura avevo sollecitato il presidente Frattura affinché istituisse questo fondamentale regolamento, così come avevano fatto altre regioni.”

Un ulteriore passo in avanti è stato fatto con l’approvazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica nell’ambito degli interventi del ‘Piano attuativo agenda digitale salute’ che, tuttavia, non risolve il problema che più volte è stato sollevato e che ha fatto emergere la necessità di istituire il registro con una specifica norma legislativa.

“Già nel 2017 – prosegue Manzo – avevo tentato di rendere la legge sul Registro Tumori qualcosa di concreto, per la tutela della salute pubblica e non solo per spot elettorale. Ad ottobre, infatti, il Consiglio regionale ha approvato la legge che istituisce i registri dei tumori, della mortalità e di altre patologie. In quell’occasione spiegai che il semplice varo della legge non avrebbe dato la svolta attesa da anni se non fosse stato seguito da una direttiva immediata della Giunta per rendere la legge davvero efficace. Per questo, un nostro emendamento ha chiesto il varo di un regolamento per il trattamento dei dati entro i 180 giorni dall’entrata in vigore della legge sui registri, quindi entro i prossimi tre mesi. E questo emendamento è stato approvato.”

“È chiaro – conclude Patrizia Manzo – sulla base dei dati di diffusione di alcune malattie nel territorio regionale, che il Registro Tumori è fondamentale per il Molise e che non si deve e non si può più aspettare. Pertanto, chiediamo al presidente Toma di varare al più presto un regolamento per il trattamento dei dati personali così da renderlo pienamente effettivo.”

Lascia un commento

 Precedente

Viadotto Sente, siamo a lavoro per impedire l’isolamento di migliaia di cittadini

 Successivo

Lavoro, la Regione prende in giro Comuni e lavoratori. Ecco cosa abbiamo scoperto