MoVimento 5 Stelle Molise

Elezioni, al lavoro su un programma coerente e sostenibile per il Molise

0

Si è riunita presso la Sala Alphaville di Campobasso la prima assemblea regionale del 2023 degli iscritti al Movimento 5 stelle, organizzata dal coordinatore Antonio Federico. Obiettivi dell’incontro: tracciare la strada da percorrere insieme, da qui in avanti, quindi mettere al centro del dibattito i temi cardine di quello che sarà il programma del Movimento 5 stelle. Ma anche mettere a fuoco tutti gli aspetti legati al nuovo corso a cui ha dato avvio il presidente Giuseppe Conte.

Proprio il presidente Conte, collegato da remoto con gli iscritti molisani, insieme alla vicepresidente Paola Taverna, ha sottolineato l’importanza di interloquire con altre forze politiche, civiche e realtà associative sane, senza subire però scelte calate dall’alto, soprattutto per quanto riguarda le candidature.

Programma coerente e sostenibile il nostro faro

Il Movimento si propone infatti come forza trainante di quella che dovrà essere un’alternativa forte al centrodestra. Lo stesso centrodestra che in questi cinque anni ha condannato il Molise ad un arretramento costante sotto tutti i punti di vista e che al governo nazionale si è subito dimostrato totalmente impreparato a guidare il Paese. Giuseppe Conte ha ripercorso infatti le giravolte di Giorgia Meloni sulle accise, sul Superbonus, sulla giustizia, evidenziando l’incapacità delle forze politiche che rappresenta di fornire risposte concrete ai cittadini, ma anche la loro incoerenza nei confronti dei propri elettori.

Il Movimento 5 stelle vuole invece essere una forza propulsiva e propositiva già ai tavoli di confronto in vista del prossimo appuntamento elettorale. In tal senso, sarà cruciale riporre il massimo impegno sulla stesura di un programma coerente, sostenibile e realizzabile, come il Movimento 5 stelle ha già fatto nel 2018, arrivando poi a realizzare l’80 per cento del programma elettorale una volta al governo del Paese.

Così il Molise può ambire ad essere un prototipo di regione per quanto riguarda la giustizia sociale e ambientale.

L’importanza dei gruppi territoriali

Intanto stiamo finalmente riuscendo a dare una struttura ai territori, una cosa che mancava da tanto, troppo tempo. Si è dato avvio ad una prima fase tra aprile e maggio, con la nomina dei coordinatori regionali. E a breve si procederà anche con la nomina dei coordinatori provinciali. Queste figure daranno una grande mano proprio nell’organizzazione dei lavori da svolgere sui territori. Ma un altro passaggio fondamentale è capire l’importanza dei gruppi territoriali, veri organismi che sui consentiranno agli attivisti di partecipare, presentare istanze e organizzare attività. Anche questo tra i temi principali dell’incontro di sabato 14 gennaio a Campobasso, che ha visto una partecipazione numerosa ed entusiasta di attivisti e portavoce regionali.

La procedura per la costituzione dei gruppi territoriali è partita a novembre, con l’obiettivo di ampliare quindi la partecipazione a nuovi iscritti e cittadini desiderosi di trovare uno spazio concreto dove dar voce alle proprie proposte. E in queste settimane si sta lavorando senza sosta affinché tali realtà siano effettivamente operative prima delle prossime elezioni regionali.

Nel frattempo, gli iscritti sono tornati a confrontarsi sugli obiettivi da centrare a breve e lungo termine, per il futuro della regione e per tutti i molisani. Perché quella di quest’anno sarà un’occasione storica, forse irripetibile, per cambiare davvero le sorti del Molise.

Condividi

Leave A Reply