MoVimento 5 Stelle Molise

Sanità, necessario riattivare servizio di Guardia medica pediatrica

0

Sono tanti, nella nostra regione, i genitori che a causa della chiusura degli ambulatori pediatrici nei giorni festivi e prefestivi sono costretti a rivolgersi ai presidi di Pronto soccorso regionali, già gravati da croniche carenze d’organico. Una situazione che preoccupa le famiglie, rischia di compromettere la salute dei bimbi e pregiudica ulteriormente l’operatività delle strutture deputate alla gestione dell’emergenza-urgenza. Sul tema, abbiamo depositato una mozione in Consiglio regionale con l’obiettivo di far attivare il servizio di Guardia medica pediatrica. Un’iniziativa che mira a decongestionare i Pronto soccorso regionali e soprattutto a garantire un’assistenza sanitaria tempestiva ai bambini in caso di necessità.

di Angelo Primiani

Una sperimentazione, in tal senso, è già stata fatta. Precisamente, da maggio a dicembre 2018, il servizio fu attivato presso gli Ospedali di Campobasso, Termoli e Isernia, garantendo assistenza pediatrica di qualità, continuità dei servizi sanitari pediatrici ed evitando il ricorso ai Pronto soccorso.

La nostra proposta

Quello che chiediamo ora al presidente Francesco Roberti è quindi di interloquire con la direzione generale di Asrem e avviare incontri congiunti con i sindacati rappresentativi dei pediatri di libera scelta. Passaggi necessari al fine di predisporre finalmente un nuovo accordo regionale. È un passo importante che bisogna fare anche nell’ottica di implementare questo servizio all’interno della riorganizzazione della sanità territoriale che dovrà andare in porto nei prossimi anni grazie ai fondi del Pnrr.

Sono convinto che in questo modo sia possibile garantire una copertura completa durante tutto l’anno. Quindi, assicurare alle famiglie molisane un più facile accesso ai servizi medici in caso di bisogno. La mozione sarà oggetto di discussione in Consiglio regionale. L’auspicio è che possa ricevere il sostegno necessario per tradursi in un atto concreto. Solo così, possiamo migliorare i servizi sanitari rivolti ai più piccoli.

Condividi

Leave A Reply