MoVimento 5 Stelle Molise

Tutela ambientale, le nostre 5 proposte per la Piana di Venafro

0

Il tema ambientale deve rappresentare una priorità per le istituzioni. Proprio per questo abbiamo incontrato cittadini, attivisti e organi di stampa per fare il punto sulla situazione dell’inquinamento nella Piana di Venafro e cercare soluzioni a questa emergenza.

Di Vittorio Nola, portavoce M5S in Consiglio regionale del Molise

Lo scorso sabato, primo febbraio, presso l’infopoint M5S di Venafro si è svolto l’incontro pubblico dal titolo: ‘Problematiche ambientali nella Piana di Venafro’.

Per l’occasione, insieme al collega Andrea Greco abbiamo illustrato a cittadini e organi d’informazione un piccolo studio, realizzato insieme agli attivisti e allo staff del Gruppo consiliare, sulla situazione ambientale della zona.

Ecco il riassunto dello studio svolto per slide.

Partendo da principi scientifici di carattere ambientale, è evidente che in presenza di basse temperature ed elevata umidità, specie quando spinge il vento di libeccio, sulla Piana si addensano ‘nubi basse’ provenienti dal vicino Lazio, che scavalcano il Monte Sambucaro ed entrano nella Valle, nei pressi della galleria Nunziata Lunga. In questo modo si registra un’elevata concentrazione di polveri sottili, che devono essere assolutamente e accuratamente monitorate.

Nel corso dell’incontro abbiamo proposto le nostre soluzioni:

• verificare se i fumi provocati dall’inceneritore di San Vittore nel Lazio, quando spira il Libeccio, siano trasportati nella piana, contribuendo ad alterare i monitoraggi della qualità dell’aria nel territorio;
• analizzare l’eventuale influenza sulla qualità dell’aria provocata dai riscaldamenti a pellet;
• prendere una posizione istituzionale di netta contrarietà alla costruzione della nuova centrale Turbogas, nella vicina Presenzano, proprio considerando il cosiddetto fattore di pressione, costituito dalla presenza in pochi km di ben quattro impianti industriali potenzialmente impattanti;
• affiancare l’Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) all’Arpa Molise nei programmi di controllo già attivati che devono tener conto sia delle componenti ambientali sia dell’impatto sulla salute pubblica;
• revisionare il piano rifiuti 2016, trascorsi ormai quasi quattro anni dalla sua approvazione.

Ci sembrano proposte concrete che possono dare risposte alle giustificate preoccupazioni di tanti cittadini. Nel frattempo, il Comune di Venafro dovrebbe dotarsi di una macchina spazzatrice ad acqua per pulire le principali strade in cui si accumulano le scorie da traffico di auto e tir, ad iniziare da via Colonia Giulia e via Campania.

Condividi

Leave A Reply